25/02 - 18/03/2107

Ho Te - ( quaderni d'amore #02 )

INAUGURAZIONE E PRESENTAZIONE LIBRO SABATO 25 FEBBRAIO ORE 15,00

IMPOSSIBLE MARANELLO ospita dal 25 Febbraio al 18 Marzo la personale di fotografia istantanea di Alessandra Pace e Fausto Serafini " Ho Te "

 

Continuo ideologico della mostra realizzata nel 2016; prosegue il percorso fotografico intimista della coppia; artistica e di fatto, che ha fatto del proprio quotidiano affettivo; fotografia ed arte.

 

Dalla collaborazione è nato anche uno splendido quaderno, edito da Impossible Maranello che, giunto al secondo numero raccoglie la vita istantanea Alessandra e Fausto.

 

La pubblicazione  sarà presentata in occasione dell'inaugurazione della mostra SABATO 25 Febbraio 2017 alle ore 15,00

 

Alessandra Pace e Fausto Serafini " Ho Te "

 

Ci siamo innamorati circa 12 anni fa e fin da subito abbiamo instaurato un legame molto intimo e profondo, basato sull'amore incondizionato, sull'accettazione dell'altro, sulla condivisione totale e sulla fiducia reciproca.

Dopo circa un paio di anni dall'inizio della nostra storia, abbiamo deciso di compiere un' ulteriore fusione, iniziando a lavorare insieme e nel 2007 abbiamo aperto un club electro-punk-rock nel centro storico della nostra città, Pescara, che abbiamo gestito per 6 anni. Un club che ha lasciato un segno indelebile nella scena alternativa locale, sia per la qualità della selezione musicale, sia per quella degli alcolici. Durante questi anni abbiamo sempre osservato le persone da dietro il bancone del bar, il quale ha sempre svolto una funzione di barriera protettiva, in grado di attutire la pressione della grande quantità di relazioni sociali che questo tipo di lavoro inevitabilmente richiede. Un aspetto che è risultato via via sempre più pesante per entrambi e che ci ha portato a decidere di vendere l’attività e a trasformare una casa di campagna in un bed & breakfast.

In questo periodo di transizione ci siamo rifugiati inconsciamente dietro un'altra barriera protettiva, la macchina fotografica; in un pomeriggio di fine estate

siamo rimasti affascinati dal modo in cui due amici fotografi parlavano della luce durante delle prove di esposizione e a distanza di un paio di giorni, abbiamo proposto ad uno di loro di fornirci le nozioni base per poter iniziare a scattare fotografie.

È così che il nostro viaggio ha avuto inizio. La nostra prima camera è stata una Nikon F301, e fin dal primo rullino, abbiamo iniziato ad usarci come “cavia-modello” l’uno dell’altro. Questo nuovo modo di comunicare tra noi ci ha ben presto coinvolti e ci ha spinti ad approfondire. Abbiamo sperimentato voracemente tutto quello che in questi ultimi quattro anni ci ha incuriosito e ci è passato tra le mani. Fotografia digitale, analogica, stenopeica e nel febbraio 2015, rimettendo in sesto una vecchia polaroid sx70 di famiglia, siamo entrati nel mondo della fotografia istantanea. Un mezzo fotografico che ci ha coinvolto dal primo scatto, per l’immediatezza e l’unicità che lo contraddistingue e per l’intimità che siamo riusciti ad imprimere ed esprimere attraverso esso.

A metà percorso, soffermandoci a riguardare l'insieme di tutte queste sperimentazioni, ci siamo resi conto di avere tra le mani una sorta di diario della nostra vita intima e quotidiana e abbiamo così deciso di dare una forma a questo materiale, selezionando gli scatti vecchi con un occhio più maturo e distaccato e intraprendendo, da lì in poi, una direzione più consapevole.

È così che nasce “Ho Te”, un diario in cui alterniamo autoritratti, ritratti, momenti catturati, e paesaggi, attraverso i quali esploriamo e documentiamo la nostra vita quotidiana e la nostra sessualità , sia nell'intimità della nostra casa, sia nell'intimità che riusciamo a ricreare in ogni luogo in cui siamo, anche solo di passaggio e ogni qualvolta ci guardiamo negli occhi o ci guardiamo attraverso l'obiettivo.

È così che abbiamo creato questo mondo solo nostro, un mondo ovattato in cui canalizziamo le nostre paure, in cui ci rifugiamo in posizione fetale.

"Ho Te” è un progetto a lungo termine, destinato a durare finché morte non ci separi.

Ho Te quaderni d'amore #02 

di Eloisa Sturlese

 

" Il fuoco greco "

 

Tra storia e leggenda,  il fuoco greco ;  in epoca arcaica era una geniale miscela altamente incendiaria che non solo non poteva essere spenta con acqua, ma il liquido ne ravvivava la forza e l'intensità.

La chimica umana e fotografica di Alessandra e Fausto sono la moderna rappresentazione di questa fiamma inestinguibile, che vive e prospera nelle immagini e nel reale senza temere nulla che possa domarla.

Se ne sente il calore, avvolgente e coinvolgente, attraverso ogni scatto, sia esso  una scena domestica, un irriverente ritratto o un torrido momento di intimità, l'emozione e la temperatura si innalzano e immagine dopo immagine si viene proiettati in questa favola moderna da cui non si vorrebbe più uscire.

 

 Ho te " quaderni d'amore " , nella parola quaderni  forse troppa l'umiltà per questo progetto che non stonerebbe come " manuale d'amore ".

MYINSTANTLIFE - Via Gazzotti, 39 - 41042 Fiorano MODENA - Orario : da Martedì a Sabato ore 9,30 / 18,00 - chiuso Domenica e Lunedì

MAD S.r.l. - Sede legale : Viale Amendola, Nr.246 - 41125 MO - Codice Fiscale, P.I.V.A. -nr iscrizione CCIAA 01149980367 - c.c.i.a.a. MO R.E.A.221148